venerdì, Dic 12 2008 

Annunci

venerdì, Dic 12 2008 

 
La battaglia delle Termopili
 
 

venerdì, Dic 12 2008 

Franco Battiato – Strani giorni
 
 
 
Domenico Modugno – Meraviglioso (1967)
 
 

Interviste a Saviano sabato, Dic 6 2008 

Fabri Fibra ft. Gianna Nannini – In Italia (video ufficiale) sabato, Dic 6 2008 

Ascoltate attentamente fino alla fine..soprattutto ciò che dice Saviano..
 

The rokes -ma che colpa abbiamo noi sabato, Dic 6 2008 

giovedì, Dic 4 2008 

Aprite,
anzi, spalancate le porte alla Bellezza!
La Bellezza ci salverà.

Aforismi… giovedì, Dic 4 2008 

" Questo momento storico è fondamentale per la comprensione del fenomeno sociale detto "Brigantaggio". Infatti ormai la storiografia ufficiale sta finalmente considerando il fenomeno con una valenza storiografica-sociale che invece prima era oscurata dalla storia retorica del risorgimento, in cui i Savoia erano i "buoni" mentre i briganti erano solo dei criminali. Ora si pone l’attenzione più verso le cause che hanno determinato l’evento e soprattutto nel fatto di considerarlo una reazione partita dal basso, senza bandiere o padroni, che si prefiggeva come scopo la liberazione dai soprusi che il nuovo ordine politico stava effettuando nell’Italia unificata. La reazione dei contadini che vivevano in una società funzionale, in una burocrazia giusta, un’ economia basata su piccole industrie, un’agricoltura arretrata ma che garantiva una vita adeguata, andò contro uno stato Savoiardo amministrativamente arretrato che non fece altro che smontare letteralmente tutte le aziende meridionali, confiscare la flotta navale napoletana, istituire tasse come quella sul macinato, istituire la leva militare obbligatoria. Dalle terre lucane partì dunque la rivolta dei contadini che tenne in scacco l’esercito piemontese per oltre un quinquennio." (Giuseppe Ressa e Alfonso Grasso, Il Sud e l’Unità d’Italia[3])

 

" E intorno a noi il timore e la complicità di un popolo. Quel popolo che disprezzato da regi funzionari ed infidi piemontesi sentiva forte sulla pelle che a noi era negato ogni diritto, anche la dignità di uomini. E chi poteva vendicarli se non noi, accomunati dallo stesso destino? Cafoni anche noi, non più disposti a chinare il capo. Calpestati, come l’erba dagli zoccoli dei cavalli, calpestati ci vendicammo. Molti, molti si illusero di poterci usare per le rivoluzioni. Le loro rivoluzioni. Ma libertà non è cambiare padrone. Non è parola vana ed astratta. È dire senza timore, È MIO, e sentire forte il possesso di qualcosa, a cominciare dall’anima. È vivere di ciò che si ama. Vento forte ed impetuoso, in ogni generazione rinasce. Così è stato, e così sempre sarà…" (Carmine Crocco)

 

Ringrazio Angelo per il suggerimento..

Altri aforismi vedi http://it.wikiquote.org/wiki/Brigantaggio

giovedì, Dic 4 2008 

L’ultimo samurai – Come questi fiori stiamo tutti morendo http://it.youtube.com/watch?v=TTXg-5TPXGs
 
 
 
 

martedì, Dic 2 2008 

042940_ph2_w434_h_q801_1280x1024blanchet-elizabeth-golden-agecateblanchettCateBlanchettElizabeth_wideweb__470x312,0dlrt20080621elizabethelizabeth-the-golden-agethegoldenage

« Pagina precedentePagina successiva »