XI Sacra Rappresentazione della passione di Cristo – Martedì 18 Marzo 2008 Adelfia Montrone mercoledì, Gen 30 2008 

 
 8939
 
La Chiesa di Cristo, popolo della Nuova Alleanza
Anche quest’anno Adelfia propone un evento di cui essere orgogliosi e che nel tempo è diventato, per la popolazione adelfiese e per quella dei paesi limitrofi, un atteso appuntamento oltre che un’occasione per prepararsi al mistero della Pasqua e raccogliersi in uno speciale momento di riflessione collettiva, che trascina fino alla commozione: è la suggestione che si rinnova ogni anno allorché, durante la settimana Santa, si svolge la ”Sacra Rappresentazione della passione di Cristo” in corso Umberto I, palcoscenico naturale che, con la sua architettura imponente, ben si presta a creare un’atmosfera perfetta che sembra portare indietro di 2000 anni e che fa trattenere il fiato alle due ali di folla che, numerosissima, vi assiste in atteggiamento di ascolto silenzioso e partecipativo, come personale testimonianza di fede che rifugge da qualsiasi spettacolarizzazione.
E’ lo stesso spirito da cui si fanno ispirare per mesi autori, organizzatori e attori, cercando una proficua collaborazione finalizzata ad un esito positivo della manifestazione, viva testimonianza di fede lontana dalla ricerca della spettacolarità, di cui è pur arricchita la proposta, con le suadenti musiche, gli effetti di luci e suoni, i serrati dialoghi tra i protagonisti, le fiaccole al vento e i fieri soldati con scudi e lance, i popolani dalle semplici vesti, il cenacolo solenne e suggestivo, il calvario struggente, l’altero Pilato e il Cristo suadente.
Ed è questa forte determinazione, alimentata anche dal sacro fuoco dell’amore per la tradizione e per gli innegabili valori del passato che essa porta con sé, in uno con una proposta culturale di spessore, a sospingere i componenti del gruppo “Amici di Adelfia”, promotore della manifestazione, e a permettere loro di superare difficoltà e raccogliere consensi: eterogenei per professione, età ed interessi personali, tutti si amalgamano con fede e passione, nell’intento di trasformare il testo del copione, ogni anno nuovo ed incentrato su un tema diverso, redatto dal parroco don Peppino Diana, in uno spettacolo itinerante, in cui circa centocinquanta attori e comparse narrano la storia più antica e più amata, quella del Cristo e della sua Passione, supportati da sarti, carpentieri, costumisti, scenografi, attori e narratori, tecnici del suono e delle luci che, nei lunghi mesi che precedono la manifestazione, offrono il loro lavoro, come esperti o dilettanti, nell’encomiabile impegno a carattere esclusivamente volontario.
La riflessione proposta dalla sacra rappresentazione di quest’anno, dal titolo “La Chiesa di Cristo, popolo della Nuova Alleanza”, nelle intenzioni dell’autore e del regista, è un invito a riscoprire la Chiesa configurata a Cristo, non una chiesa di pietre ma il “popolo della Nuova Alleanza” composto da tutti noi, inseriti, attraverso il Battesimo, come membra vive nella Chiesa, soggetti attivi della sua missione di salvezza e perciò impegnati a rendere visibile Cristo agli altri con la propria testimonianza di vita e con il fulgore della fede, della speranza e della carità.

Il gruppo “Amici di Adelfia” dà appuntamento in Corso Umberto I, nel rione Montrone, martedì 18 marzo 2008 alle ore 20.00, a tutti coloro che intendessero trascorrere momenti di riflessione e accostarsi, con una ritrovata serenità interiore, ai misteri della settimana santa, viatico essenziale per vivere da cristiani la Pasqua del Signore.

Annunci

Aforisma venerdì, Gen 11 2008 

" OPPENHEIMER: Non è colpa dei fisici se al giorno d’ oggi le idee geniali diventano bombe. "
 
 – Dal testo teatrale L’ America contro Julius Robert Oppenheimer, tratto dal verbale d’ inchiesta, 2004 –
 
OPPoppen2oppenheimerf

Il Brano del Giorno – Spunta La Luna dal Monte mercoledì, Gen 2 2008 

Va, Pensiero martedì, Gen 1 2008 

Va, pensiero, sull’ali dorate;

Va, ti posa sui clivi, sui colli,

Ove olezzano tepide e molli

L’aure dolci del suolo natal!

Del Giordano le rive saluta,

Di Sionne le torri atterrate…

Oh mia patria si bella e perduta!

O membranza sì cara e fatal!

Arpa d’or dei fatidici vati,

Perché muta dal salice pendi?

Le memorie nel petto raccendi,

Ci favella del tempo che fu!

O simile dei Solima ai fati

Traggi un suono di crudo lamento,

O t’ispiri il Signore un concento

Che ne infonda al patire virtù!

phot0verdi


 

Il Brano del Giorno – Heaven Out of Hell martedì, Gen 1 2008